News | Rovine esposte
Rovine esposte Email




Mostra Le Rovine Esposte. Urban Exploration
28.05.13 – 01.06.13, ore 10.00-21.00, OGR
08.06.13 – 23.06.13, ore 11.00-18.00 (solo sabato e domenica)
Fondazione OAT, MIAAO – Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi

Convegno “Il valore delle rovine”
28 maggio ore 18.00, Sala Duomo
OAT, Fondazione OAT
MIAAO – Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi
GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani, Comune di Venezia

Concerto “Ruinenwerk”
28 maggio ore 21.30, Spazio Eventi Live
Musica 90


3 appuntamenti introducono il tema dell’esplorazione nelle rovine architettoniche della città, uno dei tre filoni portanti del festival.

A partire dalle azioni degli esponenti del movimento UrbEx, o Urban Exploration, una “sottocultura” i cui aderenti sono specialisti nella scenografica documentazione di luoghi abbandonati e di difficile accesso è nata l’idea della mostra Le Rovine Esposte. Urban Exploration curata da Enzo Biffi Gentili (MIAAO) e voluta dalla Fondazione OAT e OAT. “Suite de Turin” è la prima delle 5 sezioni della mostra ed è dedicata alle fotografie tratte dalla recente missione a Torino dell’urban explorer francese Christophe Dessaigne in alcuni edifici torinesi, tra cui la Cavallerizza Reale, gli stabilimenti industriali ex Ghia-OSI, i sotterranei di San Filippo Neri, l’ex centrale elettrica ENEL di via Bologna, le Carceri Nuove.

La seconda sezione è costituita da “Found Photos in Detroit”, l’installazione degli italiani Arianna Arcara e Luca Santese composta da foto trovate, sovente scattate dalla polizia, in edifici degradati a Detroit. “L’oggetto della mostra di Detroit non è omologabile” afferma Enzo Biffi Gentili “è un capolavoro unico perché gli artisti non intervengono sulle fotografie, ma utilizzano il materiale preesistente per documentare una condizione. Il loro atto è rivoluzionario perché hanno scelto di rinunciare al proprio ruolo dinnanzi alla sconcertante drammaticità dell’oggetto ritratto”.

Gli autori dei lavori esposti in queste due sezioni saranno presenti alle OGR martedì 28 maggio alle ore 18.00 in occasione dell’incontro “Il valore delle rovine”.

Il percorso della mostra prosegue con “Le rovine animate”, tre video installazioni che documentano la condizione di alcune rovine contemporanee torinesi: Colonizzazione_01 del 2006, a cura del PAV Parco Arte Vivente, The Factory is Full del 2011 di Francesca Cirilli, Irene Dionisio, Luiz Pinho Jr e Ruinenwerk del 2013 di Carlotta Petracci/White. Quest’ultima sarà interpretata e tradotta in musica dall’artista della scena elettronica Davide Tomat, dal chitarrista Paolo Spaccamonti e dal percussionista Dario Bruna in un concerto intitolato “Ruinenwerk” a cura di Musica 90, martedì 28 maggio alle 21.30. “Durante la performance” sottolinea Silvio Mossetto di Musica 90 “i contenuti visivi dell’installazione di Carlotta Petracci saranno proiettati alle spalle dei musicisti; le atmosfere dei video saranno riproposte sonoricamente in intrecci di musica sia elettronica che acustica”.

La mostra si conclude con “Turin Urbex Center”, una selezione di immagini tratte da esperienze torinesi iscrivibili ad un’estetica di Urban Exploration, e con “Le rovine incisive”, gli esiti di un concorso promosso dalla Fondazione OAT, dall’Accademia Albertina di Belle Arti e dal Seminario Superiore di Arti Applicate/MIAAO, dedicato alla rappresentazione delle rovine contemporanee.


23/05/13



Notizie correlate

 

 
Copyright 2013 FOAT | Web Credit